Zola Predosa
 
A 16 kilometri da Bologna, tra le colline e la pianura, si trova Zola Predosa (19.000 abitanti), moderno centro industriale ed agricolo, che però non trascura, anzi valorizza, la sua storia e le sue tradizioni.
 
Palazzo Albergati e Cà la Ghironda sono l’emblema di questa duplice anima.

Palazzo Albergati è un'elegante villa del '600, disegnata dall'architetto Gian Giacomo Monti. La semplicità e la compattezza del fronte nascondono e aggiungono meraviglia al fasto degli interni, che fanno del palazzo uno dei massimi esempi di architettura barocca in Italia. Lungo le sponde del torrente Lavino è possibile ammirare altre magnifiche ville, tra cui Villa Edvige Garagnani, sede dell'Ufficio di Informazione Turistica sovracomunale, Palazzo Bentivoglio Pepoli, Villa Zanchini e Villa Balzani con  il suo magnifico giardino.

Cà la Ghironda è un parco museo unico nel suo genere, formato da un area verde di dieci ettari in cui l'arte, con le oltre 200 sculture di materiali vari, e la natura, con un orto botanico, si fondono, seguendo il dolce percorso collinare. Nella galleria interna sarà possibile ammirare oltre cinquecento opere dei più rappresentativi artisti della pittura nazionale ed internazionale dal '500 ai giorni contemporanei.
 
Non solo arte e cultura.

Zola Predosa è da sempre Città del Vino, e sede di sette cantine che producono rinomati vini, su tutti il Pignoletto dei Colli Bolognesi, bianco autoctono che si esalta sulle morbide colline zolesi, sulle quali nel corso degli anni hanno trovato ospitalità anche i grandi vitigni internazionali.

Zola Predosa è la Capitale Mondiale della Mortadella, in quanto territorio di produzione privilegiato e sede delle aziende Alcisa e Felsineo, ed è un punto della Strada dei Vini e dei Sapori “Città Castelli Ciliegi”.

Annualmente ospita eventi di rilevanza nazionale e regionale, quali la rassegna musicale “Zola Jazz&Wine” (mesi di Maggio e Giugno) e “Mortadella, Please - Il Festival Internazionale della Mortadella” (primo weekend di Ottobre), e momenti di festa come la “Fira ‘d Zola” (metà Luglio), la “Notte d’Estate” (secondo Giovedì di Giugno) e le numerose feste delle frazione, a testimonianza di un ricco e vivace tessuto associativo.